• Raffaele Fanizzi su LinkedIn

Archives

Archives / 2007 / July
  • Il mio tesssssssoro!!!

    Ok ok, è già la seconda volta che il titolo del mio blog si ispira alla saga de Il Signore Degli Anelli, ma che posso farci, è una saga che adoro sia da lettore, che da cinefilo (che, lo dico per Vito Campanelli, non c'entra niente con i cani, quelli sono i cinofili!!!).

    Fino ad un mese fa, onestamente, non ci avevo minimamente pensato, ma ecco che in un momento di ordinaria follia mi è venuto in mente di cambiare auto. Chiaramente molti si chiederanno: come mai? si è rotta quella che avevi prima? Assolutamente, la mia ormai ex-Clio andava una bomba e la motivazione di questo mio acquisto è molto più semplice e banale: ho voluto concretizzare un mio piccolo sogno, spinto anche dal fatto che la Clio ancora qualcosa valeva in termini di permuta e che qualche soldo da parte lo avevo (non sono uno che paga a rate: se una cosa posso permettermela la compro, altrimenti no).

    Beh, una volta presa questa decisione mi sono armato di pazienza e ho iniziato a cercare una Alfa Romeo 147 JTD 1.9 usata di qualche anno e con non più di 50.000 km. Avevo stimato che una macchina simile avrei potuto accaparrarmela con 8-9.000 euro + la permuta della Clio.

    Inizialmente ho chiesto alla mia ragazza (il cui padre ha una concessionaria Peugeot), se potesse darmi una mano, magari chiedendo in famiglia se avessero conoscenze di concessionari onesti. La mia più grande preoccupazione non era tanto quanto è vecchia l'auto, ma quanti KM reali avesse percorso e come è stata tenuta. Insomma non volevo prendere un'auto di 5 anni spacciata per 50.000 KM, ma che in realtà avesse 200.000 KM e fosse stata mezza distrutta e ricostruita a causa di un incidente.

    La ricerca è durata essenzialmente tre giorni. Molti diranno "potevi essere più prudente e cercare più tranquillamente", ma io sono dell'idea che le occasioni non cadono dal cielo e che una volta iniziata una ricerca a tappeto (giorno per giorno), alla fine arrivano. Inoltre non sapete come mai è durata così poco: andiamo avanti!

    Lunedì io ed il mio fido amico Luca siamo andati a farci un giro presso un noto rivenditore di auto FIAT qui a Bari. Inutile dire che ce ne siamo usciti carichi di meraviglie. Nonostante, infatti, mi fossi presentato come il cugino di un ex-dipendente (amico di mia sorella), il tipo che ci ha servito ha proposto diverse auto dal prezzo tuttavia spropositato. Tanto per fare un esempio:

    Alfa Romeo 147 Progression 5 porte JTD 1.9 115 cv del 2003 con 63.000 KM a € 14.000

    Stiamo parlando di un'auto che secondo Quattroruote ha una quotazione di poco più di € 9.000. Poi il bello è la quotazione della permuta: la mio Clio dCI del 2003 con 105.000 KM mi è stata valutata solo € 3.500, contro un range compreso tra i € 4.000-6.500 sempre secondo Quattroruote. Insomma il loro usato te lo vendono a € +4000 rispetto alla quotazione, mentre il tuo usato lo valutano € -€ 1-2000. Alla fine vedete voi quanti soldi si fregano questi tipi.

    Devo dire di essere uscito da quella concessonaria demotivato e deluso, ma fortunatamente il padre della mia amata non ha tardato a farsi vivo e martedì sul tardo pomeriggio siamo andati insieme a Monopoli presso un concessionario Alfa Romeo di sua conoscenza.

    Onestamente non ero andato lì con l'idea di uscirne con un'auto nuova, ma così è stato! Arrivati lì il padre della mia ragazza mi ha fatto vedere una Alfa Romeo 147 Distinctive 5 porte JTD 1.9 150 cv del 2005 e 23.000 KM, che lui aveva già visto venerdì, e mi ha detto: "questa è l'auto per te".

    Inizialmente ero un po' scettico perché sul cartellino c'era scritto € 16.000, cifra che pensavo fosse irraggiungibile per me. Una volta vista l'auto siamo entrati nell'ufficio del responsabile alle vendite il quale mi ha proposto l'auto a € 11.500 + la Clio. A questo punto interviene il padre della mia ragazza che gli dice: "no no, facciamo € 10.000 + la Clio". E così fu!!! :-)

    L'auto (che potete ammirare nelle foto che stanno in questo blog) è veramente bellissima, un piccolo sogno che si è realizzato e non finirò mai di dire grazie alla mia ragazza e a suo padre per tutto quello che hanno fatto.

    altro

  • Il mondo è cambiato

    Con questa frase, ispirata alle prime parole dette da Galadriel nel prologo del film "Il Signore Degli Anelli - La Compagnia Dell'Anello", intendo affrontare alcuni dei pensieri che mi hanno assalito nella stesura dei contenuti di questo sito e, in particolare, mi riferisco alla sezione Portfolio.

    Lo so, per molti quello non è altro che un elenco dei progetti per lo più sviluppati in occasione degli esami universitari, ma riportarli in questo sito ha scatenato in me una tempesta di pensieri su come è cambiata la mia vita nel passaggio dal periodo universitario al mondo del lavoro.

    Inutile dire che rimpiango fortemente il non aver saputo apprezzare all'epoca tutti quei meravigliosi momenti che l'università mi ha regalato. E' stato senza ombra di dubbio il periodo più bello della mia vita, periodo dal quale posso realmente dire di essere uscito arricchito, non tanto economicamente, ma sicuramente moltissimo sul lato umano.

    L'università ha rappresentato per me la scoperta di una cerchia di amici ai quali non finirò mai di dire grazie per gli eccezionali momenti che mi hanno regalato. Penso agli scherzi e ai caffè durante le lezioni, penso a tutti i giorni passati a preparare insieme progetti per gli esami, conditi da indimenticabili istanti di divertimento, penso in generale ad un modo di vivere la giornata che adesso è svanito.

    Passato è il tempo in cui ci si poteva svegliare alle 12 e andare a dormire alle 4, passato è il tempo in cui ogni giorno in cui non si studiava per un esame (la maggioranza naturalmente :-)) era una vacanza, passato è il tempo della spensieratezza e del poter essere padroni del proprio tempo. Il lavoro ci aspetta, con i suoi improrogabili e incessanti orari (9-12, 13-18, se tutto va bene...) in cui ormai non si vive più, con le sue 3-4 settimane di ferie all'anno... Non c'è più tempo per il gioco, non c'è più tempo per niente, se non qualche ora che ci si riesce a ritagliare in serata e nel weekend, da poter dedicare ai propri amori, ai propri amici ed ai propri hobbies.

    Sono sempre stata una persona retta, con un grande senso del dovere e perciò mi rendo conto che questa nuova realtà per quanto meno piacevole della precedente, fa parte del naturale corso della vita e perciò va affrontata con la testa alta e nel migliore dei modi, sperando magari di guadagnarci anche qualche soldino. Posso però dire adesso di capire perfettamente la scontata frase "beato a te che studi" più volte dettami da chi lavora: avevano tutti ragione.

    Colgo l'occasione di questa mia forse troppo prolissa e maliconica riflessione, per ringraziare di cuore tutti gli amici che ho conosciuto nel periodo universitario, nella speranza che la nostra amicizia possa andare ben oltre quell'ormai perduto e indimenticabile periodo.

    altro

  • Le origini di questo sito

    Ebbene eccomi qua con il mio sito web personale ed il mio blog. Ho pensato a lungo a come poter iniziare la mia attività di blogger ed ho deciso di farlo raccontando le origini di questo sito.

    Il mio sito www.vifani.com in realtà era già online fino a sei mesi fa con una struttura dei contenuti molto simile a quella che potete vedere oggi, ma con uno stile di scrittura decisamente più sterile. Decisi all'epoca di dare un taglio più auto-promozionale che non personale, decisione che però non incentivava il suo aggiornamento e che non mi permetteva di esprimere i miei pensieri, le mie esperienze... in poche parole me stesso.

    Insieme al cambiamento dello stile del sito ho cambiato anche l'hosting il che conseguentemente mi ha permesso di lavorare su tecnologie differenti passando da PHP + MySQL su server Linux ad ASP.NET + Access su server Windows. So bene che Access non è il massimo come database, ma questo è quello che offre Aruba al prezzo base. In futuro valuterò il passaggio a SQL Server. Devo dire però che sono rimasto favorevolmente impressionato dalla potenza di ASP.NET e dalla quantità di web control che mette a disposizione e che mi hanno portato a scrivere molto meno codice rispetto all'uso di PHP.

    Molti sono i pensieri che mi hanno accompagnato durante la stesura dei contenuti di questo sito e ci sarà sicuramente modo di approfondirli nei prossimi giorni. Per oggi penso di aver scritto abbastanza e non mi resta altro da fare che salutare tutti i miei amici e dare un bacione ai miei due grandi amori che potete ammirare in questa bellissima foto.

    altro